Versione italian
Versione inglese
Versione spagnola

I CORSI

Guida Sicura

Questo Corso si svolge interamente su Steering Pads e Paddocks. Con una serie ripetuta di sbandate si impara a controllare l'auto in ogni situazione di scarsa aderenza. Conoscendo le reazioni della macchina, si saprà fronteggiare ogni imprevisto della strada.

Non è prevista la giornata in pista, ma si potrà fare in un secondo tempo.

Durata: Mezza giornata - Un giorno - Due giorni su Steering Pads appositamente attrezzati

Orario giornaliero: dalle 8 alle 18 circa, compreso la lezione teorica.

Composizione Gruppi: 6-8 allievi con 2-3 Istruttori + 1 aiutante pista + 1 assistente di gruppo.

PROGRAMMA

Teoria - Ragionamenti attorno all'auto

Posizione di guida: corretto posizionamento del sedile e del volante. Corretta impugnatura del volante e relativo movimento in curva. Importanza di questi movimenti nella sicurezza attiva della guida. Influenza della posizione di guida nella sicurezza passiva. Perché le cinture di sicurezza vanno assolutamente allacciate. Analisi delle forze che gravitano attorno all’auto. Accelerazione e frenata. Moto rettilineo, curve e forza centrifuga. Concetto di attrito ed aderenza.

Analisi del comportamento del pneumatico sul fondo stradale. Importanza della conformazione della superficie stradale e del tipo di pneumatico. Si parla di “manine” e di “piramidine”. Frenate di emergenza con strada asciutta e bagnata, con e senza ABS. Schivata di un ostacolo improvviso, nelle stesse situazioni. Sottosterzo e sovrasterzo.

Direzionalità degli assali sulle auto a trazione anteriore, posteriore e 4x4. Cerchio di Kamm ed ovale di aderenza. Variazione dinamica dei pesi e variazioni dinamiche degli ovali di aderenza. Trasferimento dei carichi longitudinali e trasversali. Reazione dell’auto in curva e gestione di situazioni d’emergenza sia in rettilineo che in curva. Come prevenire e reagire all’aquaplaning.

ESERCIZI SUI PIAZZALI ATTREZZATI

Guida Sicura 1 giorno

Si inizia con alcuni esercizi elementari: slalom lento per automatizzare la posizione delle mani sul volante, quindi allineamento di precisione delle ruote. Poi si dà il via agli esercizi “vivaci” sul piazzale bagnato.

Approfittando di una gommatura di sezione differenziata ed utilizzando pressioni di gonfiaggio assolutamente improponibili nella guida normale, ha inizio il “movimento”.

Cominciamo con esercizi di sottosterzo, per capire quanto sia importante la direzionalità e quanto sia negativa la deriva. Poi il Powerslide, una sbandata di potenza in cui si impara a controllare il retrotreno.

Uno degli esercizi fondamentali è lo Skid Car: facciamo il “volo d’Angelo”; in rettilineo, a bassa velocità, abbiamo modo di correggere l’auto mentre percorre un lungo tratto in sbandata pressoché continua. Si fanno molte frenate d’emergenza: come evitare degli ostacoli improvvisi, frenando con e senza l’aiuto dell’ABS, a velocità varianti da 60 a 100 kmh.

Naturalmente, per complicarvi un po’ più le cose, il tutto si fa anche su asfalto bagnato!

...Guidare in retromarcia guardando solo negli specchietti retrovisori... sembra facile! Proviamo anche questo esercizio, per di più con il cronometro.

Approfondiamo il concetto di sottosterzo facendo un lungo “otto” ripetuto: per capire meglio l’importanza di una guida fluida, lo facciamo cronometrato.Poi sfruttiamo quello che ormai abbiamo imparato percorrendo un tornante, ancora sull’asfalto scivoloso alla maniera dei rallysti.

Un altro esercizio utilissimo è la precisione in curva, che a Monza facciamo sulla mitica sopraelevata.

ESERCIZI SUI PIAZZALI ATTREZZATI

Guida Sicura 2 giorni

Dopo aver imparato il Powerslide il primo giorno, ecco il rompicapo: il “tondo”, cioè un giro completo del piazzale scivoloso in continuo controsterzo alla maniera dei rallysti scandinavi. Con il tondo, oltre a divertirsi, si riesce ad esorcizzare una situazione che in strada è molto pericolosa. Si fanno frenate col freno a mano, in modo da familiarizzare sempre più con l’auto. Si esegue una prova rapidità riflessi, il Brakes On, ed una frenata “asimmetrica” con le due ruote di destra su superficie scivolosa: anche questa è una situazione molto comune in strada, dove si può trovare della sabbia, foglie o una parte verniciata. Naturalmente si fa anche senza ABS. E, ancora, simuliamo una frenata d’emergenza ad alta velocità in autostrada. Se nell’Otto è essenziale guidare pulito, nello schiaffo facciamo una manovra come quelle che si vedono nei film d’azione. Continuiamo con le sbandate facendo lo slalom “pendolo”, provocando volutamente la sbandata del posteriore. Manovre come il pendolo e lo schiaffo non si fanno solo per divertimento, ma soprattutto per acquisire un controllo assoluto della macchina, in ogni situazione.

ESERCIZI IN PISTA
Non sono previsti in questo Corso, ma vi aspettiamo in un’altra occasione... per provare nuove emozioni!